Diabete in gravidanza

Il diabete gestazionale, è una condizione metabolica che si sviluppa durante la gestazione e può comportare rischi sia per la madre che per il feto. In realta’ parliamo di diabete in gravidanza anche per donne con diabete di tipo 1 (insulino dipendente) che affrontano la gravidanza o donne con diabete di tipo II (insulino resistente).
Ora ci limitiamo ad affrontare il tema del diabete gestazionale.

Il diabete gestazionale è caratterizzato da un aumento dei livelli di zucchero nel sangue e richiede un attento monitoraggio e una corretta gestione al fine di garantire una gravidanza sicura. Le donne che soffrono di diabete in gravidanza devono mantenere uno stile di vita sano, fatto di attività fisica e alimentazione corretta.

Cos'è il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale è caratterizzato da un aumento dei livelli di zucchero nel sangue durante la gestazione ed è rilevato nel secondo trimestre. I sintomi di questo incremento spesso non sono evidenti e rendono necessaria la diagnosi attraverso un carico orale di glucosio tra la 24esima e la 28esima settimana.

Per le donne con diabete di tipo 2 preesistente, o diabete di tipi 1 non ben compensato potranno verificarsi delle glicemie elevate anche nelle prime settimane di gestazione.

Diabete gestazionale sintomi

I sintomi del diabete gestazionale sono per lo più assenti. Solo raramente la madre può notare un aumento della sete e di andare a urinare più spesso.

Raro anche che la donna sperimenti infezioni urinarie o che colleghi la nausea all’insorgenza del diabete gestazionale.

Il diabete gestazionale presenta diversi rischi sia per la madre che per il feto. Alcuni dei principali rischi associati a questa condizione includono l’aumento del rischio di sviluppo per la futura madre di diabete di tipo 2. Il diabete gestazionale, inoltre, può aumentare il rischio di ipertensione durante la gravidanza.

Anche il feto rischia di svilupparsi eccessivamente, aumentando le possibilità di complicanze durante il parto. I neonati nati da madri con diabete gestazionale possono poi sviluppare ipoglicemia o alterazioni elettrolitiche poco dopo la nascita.

La gestione attenta del diabete gestazionale attraverso il monitoraggio regolare della glicemia, la dieta equilibrata e l’esercizio fisico possono contribuire a ridurre questi rischi e migliorare l’esito della gravidanza.

Quando e come si effettua il test

Il test per diagnosticare un diabete gestazionale si basa sull’esame della curva da carico orale, con 75 grammi di glucosio. Nella prima fase dell’esame, viene effettuato un prelievo di sangue a digiuno, in modo da valutare la glicemia basale: se questa risulta elevata, la curva non viene eseguita.

Se la glicemia basale è inferiore a 93 mg/dl, la paziente berra’ una soluzione con 75 grammi di glucosio, effettuando poi dei successivi prelievi a 1 e 2 ore.

Diabete gestazionale i valori

Durante la gravidanza vengono considerati valori ottimali una glicemia:

  • Inferiore ai 93 mg/di a digiuno;
  • Inferiore ai 130 mg/di dopo un’ora dal pasto.

Diabete gestazionale rischi per il bambino

Il feto riceve dalla madre, attraverso la placenta, il glucosio utile per crescere. Se una donna ha il diabete in gravidanza e non lo tiene sotto controllo esistono dei rischi anche per il futuro bambino.

Alla nascita, infatti, il piccolo potrebbe avere un peso di oltre 4 chili. Questo perché l’aumentato passaggio di glucosio dalla madre al feto determina un’ iperinsulinemia fetale che provoca una crescita del tessuto adiposo a livello dell’addome del bambino che avrà una circonferenza addominale maggiore rispetto a quella di altri bambini. Un nascituro di queste dimensioni può anche portare anche a decidere per un taglio cesareo, o a un parto prematuro indotto, alla 38esima settimana.

Nel periodo prenatale, poi, il neonato ha un rischio maggiore di ipoglicemia e sarà necessario mantenerlo in un ambiente protetto al fine di dargli, per via endovenosa, la quantità di glucosio necessaria, anche ore dopo la nascita.

Alcune ricerche, infine, indicano come il diabete in gravidanza aumenti il rischio che il bambino sviluppi in adolescenza, o nell’infanzia, l’obesità.

Come si cura il diabete gestazionale

Il trattamento del diabete in gravidanza permette di garantire una gravidanza sana così da ridurre i vari rischi associati.

È importante adeguare il proprio stile di vita, ponendo l’attenzione sull’alimentazione e monitorando con attenzione la glicemia durante la gravidanza. In alcuni casi sarà possibile utilizzare direttamente l’insulina per tenere sotto controllo lo zucchero nel sangue.

Generalmente a ogni donna che soffre di diabete in gravidanza viene insegnato come monitorare a casa da sola la glicemia, tenendo un diario che poi verrà controllato dal medico durante gli incontri periodici.

È possibile prevenire il diabete gestazionale

La prevenzione del diabete da gravidanza si basa soprattutto sulla gestione del peso, optando per uno stile di vita sano, fatto di una corretta alimentazione e una regolare attività fisica.

Durante la gravidanza, inoltre, è bene eseguire dei controlli periodici, su indicazione medica, permettendo così di diagnosticare il diabete tempestivamente. L’obiettivo principale, per evitare che possano sorgere complicanze per madre e feto, è mantenere una buona gestione della glicemia.

Preferire cibi sani a basso indice glicemico e mantenersi attive, camminando dopo i pasti, aiuta a migliorare il controllo del glucosio nel sangue, anche se in alcuni casi potrebbe essere necessaria una terapia farmacologica.